Home Page Business

Come funziona la piattaforma Sfinge 2020 della Regione Emilia-Romagna

Alt text

I bandi e fondi regionali sono una dei principali incentivi economici dedicati alle piccole e medie imprese. Nella maggior parte dei casi si tratta di fondi europei destinati allo sviluppo delle singole realtà regionali che hanno lo scopo di far crescere le aziende e diminuire le differenze tra i vari Stati e regioni europee. Per poter partecipare ai bandi regionali è necessario utilizzare le piattaforme che le singole regioni mettono a disposizione. La Regione Lazio ad esempio ha sviluppato GeCoWeb, la regione Lombardia ha BandiOnline dove poter trovare tutte le informazioni necessarie su incentivi e finanziamenti, mentre le imprese della Regione Emilia – Romagna possono utilizzare il sistema Sfinge 2020.

Si tratta di un sistema informatico sviluppato nel 2016 dalla Regione Emilia – Romagna e che permette alle aziende con una sede nel territorio regionale di rispondere ai bandi di finanziamento previsti dall’ente regionale. Per accedere a Sfinge 2020 è necessario avere una account registrato su FedERa, il sistema di identità digitale della Regione Emilia-Romagna, oppure utilizzare uno dei sistemi di identità digitale nazionale, come ad esempio lo SPID oppure la Carta Nazionale dei Servizi. Ecco come funziona e come iscriversi a Sfinge 2020.

Cosa è Sfinge 2020

Sfinge 2020 è la piattaforma online utilizzata dal 2016 dalle imprese dell’Emilia – Romagna per presentare le domande di finanziamento ai fondi Por FESR. L’utilizzo del servizio è gratuito, ma è necessario che ogni azienda utilizzi la propria identità digitale per accedere alla piattaforma.

Come registrarsi a Sfinge 2020

Per la registrazione su Sfinge 2020 è necessario utilizzare il sistema FedERa della Regione Emilia-Romagna. Si tratta di un servizio che permette la creazione di un’identità digitale da utilizzare per accedere a diverse piattaforme dell’ente regionale. In totale sono oltre 300 i servizi Web che permettono di accedere tramite un account registrato su FedERa.

Per iscriversi sulla piattaforma FedERa è necessario richiedere l’identità digitale a uno dei gestori certificati dall’ente e che possono essere consultati direttamente dal sito web: sono divisi per comuni e per aziende. Il rilascio delle credenziali necessita di un po’ di tempo, il necessario per l’identificazione univoca dell’azienda o del soggetto.

Come accedere a Sfinge 2020

Per accedere alla piattaforma Sfinge 2020 è possibile identificarsi tramite quattro sistemi:

  • FedERa
  • SPID
  • Carta Nazionale dei Servizi
  • Carta d’identità Elettronica.

Come ottenere l’identità digitale con FedERa ne abbiamo già parlato, mentre lo SPID è il Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale che permette l’accesso a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione e dei privati accreditati. La Carta Nazionale dei Servizi e la Carta d’identità Elettronica sono dei dispositivi fisici che permettono di salvare le credenziali della propria identità digitale e di accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione. Solitamente si tratta di una smart card.

Per ottenere lo SPID è necessario effettuare una richiesta a uno dei gestori e lo stesso vale per la Carta Nazionale dei Servizi. In quest’ultimo caso bisogna acquistare anche il dispositivo fisico per l’identità digitale.

Come funziona Sfinge 2020

Per rispondere ai bandi presenti sul sito dell’Emilia-Romagna dedicato al Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale è necessario utilizzare l’applicativo Sfinge 2020. Il funzionamento è molto semplice, ma è necessario imparare a utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per caricare i documenti e per revisionare la domanda una volta completato il processo.

La prima volta che si accede a Sfinge 2020 è necessario accreditarsi sulla piattaforma e completare un form con tutti i dati anagrafici di chi sta utilizzando le credenziali. Superata questa prima fase si può accedere al sito web e cercare i bandi di gara per presentare le domande.

L’interfaccia è suddivisa in due menu: uno orizzontale e l’altro verticale. Su quello orizzontale è possibile segnalare eventuali errori di funzionamento della piattaforma o scaricare i manuali d’utilizzo, mentre quello verticale è dedicato all’operatività e alla presentazione delle domande.

Le voci più importanti per un’azienda sono tre: Presentazioni, Gestione e Comunicazioni.

  • Presentazioni. Questa funzione permette di creare nuove richieste per la partecipazione ai bandi e di consultare quelle che sono state già inserite, nel caso in cui siano necessarie delle integrazioni. Per trovare il bando è necessario conoscerne il nome che si può trovare sul sito dedicato dell’Emilia-Romagna.
  • Gestione. All’interno di questa voce di menu è possibile gestire i progetti che sono stati già finanziati. Ad esempio si può richiedere l’erogazione dell’incentivo o di una parte di esso. Inoltre, se si è in ritardo a causa di problemi esterni, si può richiedere una proroga del progetto.
  • Comunicazioni. Qui vengono pubblicati i risultati della fase di istruttoria con l’esito della valutazione da parte della commissione. Inoltre, sono disponibili anche news generiche pubblicate dall’ente regionale.
Tags:
Caricamento contenuti...