Home Page Business

Bando Liquidità Garanzia 2020, come funziona

Le imprese del territorio di Perugia possono ottenere un contributo per sostenere i tassi delle garanzie per i prestiti di emergenza da Covid-19

DATA APERTURA dal 15 giu 2020 al 3 nov 2020
regione Umbria

La crisi sanitaria da Covid-19 ha colpito duramente il sistema economico italiano, costringendo migliaia di aziende alla chiusura temporanea e causando così perdite di fatturato consistenti. Per favorire la loro ripresa, il Governo ha varato alcune norme, come il Decreto Cura Italia che contiene numerosi interventi a favore delle aziende italiane. All’interno del testo spicca anche la possibilità di affidare alle Camere di Commercio misure a favore delle aziende del territorio.

In questo contesto, la Camera di Commercio di Perugia ha stanziato un fondo di 500.000 euro per sostenere le spese dei tassi di garanzia da parte dei Confidi per i prestiti di emergenza legati al Coronavirus. Le imprese interessate possono partecipare secondo le modalità indicate nel bando. Le domande devono essere inviate online seguendo la procedura descritta nel bando e dopo l’arrivo verranno accolte e gestite in base all’ordine cronologico di arrivo.

Scheda Bando Liquidità Garanzia 2020

  • Nome del bando: Bando Liquidità Garanzia 2020
  • A chi è rivolto il bando: micro, piccole e medie imprese della CCIAA di Perugia
  • Fondi disponibili: 500.000 euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Perugia
  • Le date da segnarsi sul calendario: Data inizio invio domande: 15 giugno 2020. Data fine invio domande: 3 novembre 2020

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando è favorire la ripresa economica nel periodo successivo al Covid-19 delle micro, piccole e medie imprese appartenenti alla circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Perugia. La crisi sanitaria ha avuto effetti importanti sull’economia delle aziende locali, e per questo occorre favorire la circolazione del credito tramite strumenti finanziari adeguati. Con questo bando si vogliono quindi concedere contributi a fondo perduto per abbattere i costi delle garanzie dei Confidi.

Il bando si inserisce nell’ambito delle iniziative a favore imprese previste dal Decreto Cura Italia che permette anche alle Camere di Commercio di individuare le aziende beneficiarie nei propri territori di competenza. Il fondo stanziato è di 500.000 euro.

Soggetti interessati

Sono ammesse al bando le micro, piccole e medie imprese iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Perugia, con la quale non devono avere pendenze in corso o rapporti commerciali di fornitura. Inoltre, le imprese interessate devono essere in regola col pagamento del diritto camerale annuale e con le norme previdenziali, contributive e gli altri obblighi previsti nel bando.

Contributo

Il contributo concesso è a fondo perduto e corrisponde al 50% delle spese ammesse sostenute per ottenere la garanzia sul prestito da parte del Confidi. Il credito massimo è di 500 euro. Il contributo può essere richiesto anche per più finanziamenti a patto che la somma dei contributi non superi il massimale fissato. Il contributo viene maggiorato nel caso in cui l’azienda abbia il rating di legalità.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Spese ammesse dal bando

Sono ammesse al contributo le spese necessarie per ottenere la garanzia rilasciata dal Confidi per un prestito di emergenza in conseguenza agli effetti del Covid-19. La garanzia dovrà essere collegata ad un prestito erogato dopo il 23 febbraio 2020. Sono ammesse solamente le fatture e altri documenti di tracciamento sostenuti dall’impresa richiedente e pagati con strumenti tracciabili.

Termine di scadenza

La domanda può essere presentata dalle ore 9:00 del 15 giugno 2020 alle ore 18:00 del 3 novembre 2020.

Procedure e invio domanda

Le domande di partecipazione al bando possono essere inviate esclusivamente in via telematica attraverso lo sportello online “Contributi alle imprese” del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov.

Nella domanda occorre segnalare un indirizzo PEC dell’azienda richiedente da utilizzare per tutte le comunicazioni ufficiali con l’ente.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande verranno sottoposte a istruttoria in base all’ordine cronologico di arrivo. Il responsabile del procedimento può richiedere alle imprese l’integrazione di alcuni documenti che dovrà essere eseguita entro 7 giorni dalla richiesta, pena la decadenza della domanda.

Terminata la verifica, il Segretario generale della Camera di Commercio di Perugia concederà e liquiderà i benefici con appositi provvedimenti Dirigenziali. L’agevolazione può essere revocata in caso di dichiarazioni, informazioni, dati inesatti, esito negativo dei controlli, perdita dei requisiti o sottrazione agli obblighi sottoscritti tra ente e azienda.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando può essere consultato sul sito della Camera di Commercio di Perugia.

Per informazioni relative al bando è possibile contattare l’UOS Incentivi e Sovvenzioni alle imprese ai seguenti recapiti:

Per domande e assistenza per l’uso della piattaforma e l’invio della domanda online è attivo il Servizio di Assistenza di Infocamere al numero 049 2015215.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...