Home Page Business

Unioncamere: entro il 2024 il 56% degli occupati dovrà avere skill digitali

Lo conferma il Sistema Informativo Excelsior di UnionCamere. Oltre al digitale saranno fondamentali le competenze green. Ecco i dati e come prepararsi

Alt text

Digitale ed ecosostenibilità: saranno questi gli elementi che traineranno il mondo del lavoro dal 2020 in poi. Nei prossimi cinque anni, inizieranno a lavorare circa 2.7 milioni di persone. Di questi, almeno il 56% dovrà avere competenze digitali, mentre il 62% dovrà possedere skill legate alla sostenibilità ambientale.

Questo è quanto previsto dal Sistema Informativo Excelsior di UnionCamere, che ha presentato i risultati durante l’edizione digitale di Job&Orienta, l’evento di riferimento per quanto riguarda la scuola e l’università e le opportunità del mondo del lavoro. Ormai non è più una novità: il green e il digitale sono diventati due motori fondamentali dell’economia globale e anche le aziende italiane devono prepararsi, sia acquistando servizi e strumenti ad hoc, sia costruendo una squadra di lavoro con le competenze necessarie. Vediamo in modo più approfondito quali sono quelle a cui le aziende nel prossimo futuro non potranno rinunciare.

Quali sono le competenze che faranno crescere le Pmi

Il successo di un’azienda è dato anche e soprattutto dalle scelte legate al personale. Non è più accettabile avere dipendenti senza capacità informatiche, anche perchè la pandemia ha imposto al tessuto imprenditoriale una forte accelerata della digitalizzazione. Ciò ha innescato un’evoluzione di tante realtà: per esempio, molti negozi che prima vendevano solo tramite punto vendita, ora hanno un e-commerce.

La crescita è dunque obbligata e le imprese devono adattarsi. Le competenze digitali di base saranno richieste a 1.5 milioni di nuovi lavoratori italiani nei prossimi 5 anni. Interesseranno sia figure professionali tradizionali che emergenti, come il big data analyst o il cyber security expert.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Quali sono le necessità dell’azienda legate al digitale? A quali richieste della clientela si potrebbe rispondere con soluzioni digitali e non tradizionali? Ogni impresa dovrebbe operare un’analisi di questo tipo e affrontare il cambiamento, assumendo talenti in grado di affrontare la digitalizzazione grazie alle giuste competenze.

Le competenze green: quali saranno?

Accanto alle competenze digitali, i lavoratori dovranno maturare anche quelle cosiddette green. Anche in questo caso sono interessate tutte le figure professionali, in particolare quelle tecniche. Il 46% dei professionisti con competenze legata alla ecosostenibilità potranno accedere a posizioni altamente qualificate.

Le figure professionali come ingegneri civili, ingegneri meccanici, ma anche tecnici della sicurezza sul lavoro saranno particolarmente coinvolte. Ma è il settore dell’edilizia quello in cui ci saranno i più importanti cambiamenti, e le aziende devono già intercettare i migliori talenti sul mercato.

Tra le tematiche più importanti spicca la sostenibilità delle costruzioni, la riduzione dei consumi e delle emissioni dannose.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...