Home Page Business

Trento: fino a 10 mila euro per digitalizzazione delle pmi

La Camera di Commercio di Trento concede contributi a fondo perduto fino al 70% delle spese per la digitalizzazione. Ecco come partecipare

DATA APERTURA dal 17 mag 2021 al 11 giu 2021
regione Trentino-Alto Adige/Südtirol

La pandemia ha fatto emergere una serie di necessità per le aziende. Prima tra tutte quella di accogliere le nuove tecnologie per migliorare le performance e anche per gestire al meglio il lavoro durante la crisi. Così, molte imprese si sono avvicinate o hanno migliorare le attività legate allo smart working oppure hanno avviato un e-commerce. Queste soluzioni si sono rivelate sicuramente vincenti durante il periodo di restrizioni. Ancora oggi è importante continuare a investire in strumenti e macchinari innovativi ma anche in consulenze e formazione. Per incentivare la trasformazione tecnologica delle micro, piccole e medie imprese la Camera di Commercio di Trento ha stanziato 600 mila euro. Saranno usati per concedere contributi a fondo perduto a tutte le aziende beneficiarie. Ecco i requisiti da avere, come presentare la domanda e tutti i dettagli del bando.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Bando PID 2021
  • A chi è rivolto il bando: MPMI di Trento e Provincia
  • Fondi disponibili: 600 mila euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Trento
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 17 maggio all’11 giugno 2021

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando della Camera di Commercio di Trento è incentivare la digitalizzazione delle micro, piccole e medie imprese del territorio. Come? Attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto per le aziende che possiedono i requisiti richiesti. Le imprese sono quindi invitate a incrementare la cultura e pratica digitale, investire su tecnologie per la sostenibilità secondo i criteri ESG, obiettivi che nella gestione finanziaria tengono in considerazione anche aspetti di natura sociale, ambientale e governance. I progetti dovranno poi essere pensati come soluzione alle restrizioni e difficoltà imposte dalla pandemia. Per esempio, si può avere un contributo per lo sviluppo di un e-commerce, ma anche per lo smart working o interventi per il distanziamento sociale. Il fondo stanziato ammonta a 600 mila euro.

Soggetti interessati

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese con sede legale e/o unità operativa nella circoscrizione della Camera di Commercio di Trento. Le aziende devono essere attive e regolarmente iscritte al Registro delle Imprese dell’ente camerale, in regola col pagamento del diritto camerale e altri obblighi previdenziali e contributivi. Ogni impresa può presentare solo una domanda di voucher e non essere fornitori dell’ente.

Contributo

Le agevolazioni sono concesse sotto forma di voucher digitale o contributo a fondo perduto che copre il 70% delle spese ammissibili sostenute. L’investimento minimo deve essere di 5.000 euro mentre l’importo massimo del contributo per ogni impresa è di 10.000 euro. Gli aiuti sono concessi in regime “de minimis”.

Gestisci la tua Presenza Online?
su motori di ricerca, siti e social da un unico punto

Scopri come

Spese ammesse dal bando

Tra le spese ammesse troviamo quelle per l’acquisto di beni e servizi strumentali, formazione e consulenza mirati alla digitalizzazione e anche allo sviluppo di sostenibilità ambientale, sociale e governance. Gli ambiti tecnologici innovativi sono elencati nell’articolo 2 del bando. Eccone alcuni: BIM, manifattura additiva e stampa 3D, intelligenza artificiale etc. In fase di presentazione della domanda devono essere specificati gli ambiti e le tecnologie su cui si vuole investire. Tutte le spese devono essere fatturate dal 1° gennaio 2021 fino al 120° giorno successivo all’ammissione alla domanda.

Termine di scadenza

Le domande possono essere presentate dalle ore 00:00 del 17 maggio 2021 alle ore 24:00 dell’11 giugno 2021.

Procedure e invio domanda

Le domande di partecipazione e tutta la documentazione necessaria, convalidate con firma digitale, devono essere presentate esclusivamente in via telematica, tramite PEC all’indirizzo di posta elettronica certificata cciaa@tn.legalmail.camcom.it inserendo nell’oggetto la dicitura “DOMANDA BANDO PID 2021”. Prima di inviare la domanda occorre compilare il questionario di valutazione di maturità digitale fornito dal sito web del PID (Selfi 4.0 o Zoom 4.0).

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande sono valutate secondo l’ordine cronologico di presentazione e dovranno superare sia l’istruttoria amministrativo-formale sia quella tecnica. Completata questa procedura, verrà comunicato via PEC l’esito, ma l’elenco dei beneficiari verrà anche pubblicato sul sito web della Camera di Commercio. L’erogazione del voucher avviene previa presentazione della rendicontazione. Eventuali violazioni degli obblighi causa la revoca del contributo.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutta la modulistica sono pubblicati sul sito web della Camera di Commercio di Trento.

Inoltre, tutte le informazioni sul bando possono essere richiesta tramite PEC a cciaa@tn.legalmail.camcom.it.

Gestisci la tua Presenza Online?
su motori di ricerca, siti e social da un unico punto

Scopri come

Caricamento contenuti...