Home Page Business

Startup, gli incentivi in Umbria

La Regione Umbria mette a disposizione un contributo per i disoccupati che desiderano fondare una nuova attività imprenditoriale

DATA APERTURA dal 13 mar 2020 al 30 ott 2020
regione Umbria

La disoccupazione è un problema che affligge una grossa fetta della società, e riguarda sia i giovani che gli adulti. Per incrementare il tasso occupazionale, la Regione Umbria ha stanziato un fondo di 1 milione di euro dedicato alla costituzione di nuove imprese. La misura si rivolge in particolare a tutti gli utenti iscritti al programma Umbriattiva 2018.

Le domande possono essere inviate sia via PEC sia attraverso raccomandata a/r e sono gestite tramite procedura valutativa a sportello da parte della struttura competente, ovvero il servizio Sviluppo e competitività delle imprese della Regione Umbria.

Scheda riassuntiva bando regione Umbria

  • Nome del bando: Pacchetto Giovani e Adulti nell’ambito di Umbriattiva 2018
  • A chi è rivolto il bando: adulti e giovani disoccupati iscritti ad Umbriattiva 2018
  • Fondi disponibili: 1 milione di euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Regione Umbria
  • Le date da segnarsi sul calendario: Data inizio invio della domanda: 13 marzo 2020. Data scadenza invio della domanda: 30 ottobre 2020

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo dell’intervento è sostenere la creazione di nuove imprese e incentivare il lavoro autonomo per i giovani e gli adulti disoccupati. A tal fine è stato stanziato un fondo di 1 un milione di euro, rispettivamente 600 mila euro rivolti all’occupazione degli adulti e 400 mila euro per l’occupazione dei giovani.

Soggetti interessati

Il bando si rivolge ad adulti e giovani disoccupati iscritti al programma Umbriattiva 2018, profilati e presi in carico dal Centro per l’Impiego. Possono partecipare anche gli iscritti ad Umbriattiva 2018 che hanno frequentato un corso di formazione del Catalogo Unico Regionale degli Apprendimenti conseguendo abilitazione o qualificazione professionale, ma che non sono stati assunti. Inoltre, il bando è rivolto anche coloro a che hanno svolto un tirocinio di 6 mesi con indennità massima di 3.0000 euro, ma che non sono stati assunti.

Tali soggetti, alla data di presentazione della domanda, possono essere già costituiti o costituirsi in imprese individuali, società di persone limitatamente alle s.a.s. e s.n.c. e titolari di Partita IVA. I soggetti interessati devono operare nella Regione Umbria.

Contributo

Il contributo è erogato sotto forma di finanziamento a tasso zero, concesso senza garanzie, da un minimo di 6.250 € ad un massimo di 25mila € mirato a coprire fino all’83.33% dell’investimento al netto di IVA ed oneri accessori compreso tra 7.5mila € e 30mila €.

Il finanziamento può essere trasformato in un contributo a fondo perduto fino al 40% del finanziamento, ovvero da 2.5mila € a 10mila €.

Il rimborso del finanziamento è senza interessi e avviene tramite rate trimestrali per una durata massima di 4 anni, oltre a 6 mesi di pre-ammortamento.

Spese ammesse dal bando

I progetti finanziabili riguardano la produzione di beni, la fornitura di servizi, commercio anche in franchising, artigianato. Le spese ammissibili devono essere strettamente legate all’attività imprenditoriale prevista dal progetto proposto. Le spese finanziabili al netto di Iva sono riferite all’acquisto di beni materiali e immateriali funzionali alla realizzazione del progetto, ovvero:

  • Acquisto di attrezzature, macchinari, strumenti, arredi.
  • Acquisto di mezzi di trasporto (non sono ammesse spese per mezzi di trasporto merci su strada da parte delle imprese che effettuano trasporto merci per conto terzi).
  • Acquisto software funzionali e siti e-commerce.
  • Realizzazione impianti elettrici e opere murarie e di ristrutturazione (massimo il 25% dell’investimento ammissibile).

Termine di scadenza

La presentazione della domanda di contributo può essere fatta dal 13 marzo 2020 al 30 ottobre 2020.

Le spese ammesse devono essere rendicontate entro 6 mesi dalla data di valuta di accredito del finanziamento.

Procedure e invio domanda

La domanda e il Progetto d’Impresa devono essere inviati via PEC all’indirizzo direzionesviluppo.regione@postacert.umbria.it o tramite raccomandata a/r, alla Regione Umbria – Direzione Regionale Salute, Welfare, Sviluppo economico, Istruzione, Università, diritto allo studio – Servizio Sviluppo e competitività delle imprese – Via M. Angeloni, 61 – 06124 Perugia.

I soggetti che hanno avuto comunicazione di ammissibilità da parte della Regione Umbria devono effettuare il caricamento della domanda e del progetto imprenditoriale approvato sul sistema informatico SIRU-FSE 14-20. Inoltre, entro 60 giorni sono tenuti ad effettuare il caricamento della documentazione contabile attraverso la piattaforma SIRU-FSE 14-20 che attesti almeno il 15% dell’investimento ammesso e trasmettere all’indirizzo PEC direzionesviluppo.regione@postacert.umbria.it l’atto di impegno con firma digitale o la domanda di rimborso del finanziamento. In questi documenti è possibile introdurre anche gli obiettivi occupazionali da raggiungere.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande sono accolte e gestite secondo una procedura valutativa a sportello, ovvero in base all’ordine cronologico di arrivo. L’istruttoria formale tiene conto dei requisiti rispetto a quelli presenti nell’avviso. In seguito, i progetti selezionati passano alla fase successiva: la valutazione tecnica. Al termine ogni progetto riceve un punteggio in base ai criteri espressi nel bando. Gli ammessi al contributo vengono avvisati via PEC o tramite raccomandata a/r.

In seguito all’invio dell’atto di impegno o domanda di rimborso del finanziamento, la Regione effettua un’altra istruttoria per controllare nel dettaglio la documentazione contabile presentata.

Il beneficiario ha l’obbligo di presentare i documenti entro i termini di scadenza e nelle modalità previste, realizzare l’intero programma di investimento e la proposta progettuale, rendicontare in modo appropriato le spese, rimborsare il finanziamento secondo gli accordi presi, rispettare i vincoli del bando, pena la revoca del contributo.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutta la documentazione possono essere consultati e scaricati presso il sito web della Regione Umbria.

Il responsabile del procedimento è Toccacelo Daniela.

  • Telefono: 0755045737
  • Fax: 0755045695
  • E-mail: dtoccacelo@regione.umbria.it

Il responsabile dell’istruttoria è Ciotto Graziella

  • Telefono: 0755045759
  • Fax: 0755045695
  • Email: gciotto@regione.umbria.it

Le informazioni ufficiali legati all’avviso possono essere inviate via PEC a direzionesviluppo.regione@postacert.umbria.it

Caricamento contenuti...