Home Page Business

Regione Toscana: 1 milione di euro per la digitalizzazione delle MPMI

Le imprese imprese toscane potranno ottenere un contributo per l'acquisto di servizi di consulenza e altre spese. Ecco i dettagli del bando

DATA APERTURA dal 17 sett 2020 fino ad esaurimento fondi
regione Toscana

La Regione Toscana ha approvato il bando Microinnovazione Digitale, pensato per sostenere la digitalizzazione delle imprese del territorio. La misura si rivolge nello specifico a tutte le micro, piccole e medie imprese che desiderano acquisire le competenze e conoscenze necessarie per digitalizzare l’organizzazione e le attività produttive. Si tratta di un provvedimento molto importante che mette in campo più di un milione di euro, fondamentali per la ripresa economica dopo l’emergenza sanitaria da Covid-19.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Microinnovazione digitale delle imprese: Sostegno per l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale delle imprese
  • A chi è rivolto il bando: MPMI della Regione Toscana
  • Fondi disponibili: €1.278.000
  • Ente che eroga il finanziamento: Regione Toscana
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 17 settembre fino all’esaurimento del fondo disponibile

Obiettivo e fondo stanziato

Il bando, in linea con la “Strategia di Ricerca e Innovazione per la Smart Specialisation in Toscana” (DGR 204/2019), nasce per incentivare la realizzazione di progetti di innovazione digitale da parte delle micro, piccole e medie imprese della Regione Toscana. Tali iniziative saranno sostenute tramite la concessione di voucher e destinati anche a tutte le imprese danneggiate dalla pandemia Covid-19. Saranno finanziati i progetti legati a ICT, chimica e nanotecnologie, fabbrica intelligente (tecnologie orizzontali) e progetti che prevedono l’uso di app e soluzioni legate alla Strategia Industria 4.0. La dotazione finanziaria è di € 1.278.000.

Soggetti interessati

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese – compresi i liberi professionisti – in forma singola o associata. Vengono incluse quindi anche le reti di imprese con personalità giuridica (rete-soggetto), società consortili e consorzi. Le imprese partecipanti devono essere regolarmente iscritte alla Camera di Commercio del proprio territorio di riferimento ed esercitare un’attività economica primaria nelle sezioni ATECO ISTAT 2007 (individuati nell’Allegato A del bando). Inoltre, devono avere sede o unità locale nella Regione Toscana e concentrare qui le attività per le quali ottengono il contributo. Infine, hanno l’obbligo di dimostrare la propria capacità economico-finanziaria in relazione al progetto da realizzare.

Contributo

L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale, normalmente erogato sotto forma di voucher. I contributi sono concessi sulla base del Temporary Framework fino al 31 dicembre 2020. Nell’Allegato B del bando è elencata l’intensità massima dell’agevolazione per ogni tipo di impresa richiedente.

Spese ammesse dal bando

Le spese ammissibili sono collegate al progetto di trasformazione digitale presentato dall’impresa e devono riguardare l’acquisizione di servizi di consulenza, acquisizione di servizi di sostegno all’innovazione e quella di personale altamente qualificato. I costi ammissibili devono essere sostenuti a partire dal 1° febbraio 2020. I progetti già avviati e non conclusi devono terminare entro 12 mesi dalla comunicazione della concessione del contributo. L’impresa può scegliere liberamente il fornitore o fornitore dei servizi che intende utilizzare, a patto che risponda ai requisiti pubblicati nel punto 3.4 del bando.

Termine di scadenza

La domanda di partecipazione può essere inoltrata dalle ore 9 del 17 settembre 2020 fino all’esaurimento delle risorse. Il bando verrà chiuso il giorno seguente all’esaurimento del fondo disponibile. In ogni caso, la raccolta dei progetti verrà sospesa alle ore 23:59 del 15 novembre 2020 al fine di verificare lo stato di avanzamento della misura.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Procedure e invio domanda

La domanda di partecipazione e tutti gli allegati disposti dal bando adeguatamente compilati devono essere inviati esclusivamente in via telematica attraverso la piattaforma Sviluppo Toscana. L’impresa dovrà apportare la firma digitale sulla domanda e segnalare un indirizzo PEC in cui ricevere tutte le comunicazioni ufficiali legate alla misura.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande sono accolte e gestite tramite procedura automatica a sportello. L’istruttoria è svolta dal Settore Politiche di sostegno alle imprese della Direzione Attività Produttive con il supporto di Sviluppo Toscana Spa in veste di Organismo Intermedio. L’istruttoria è suddivisa in due parti: ammissibilità e selezione e concessione diretta dell’agevolazione. L’istruttoria ha una durata di trenta giorni dalla data di presentazione della domanda. La concessione del contributo viene comunicata al diretto interessato tramite PEC. Anche chi non è ammesso al beneficio viene contattato per la conferma dell’esito.

I beneficiari hanno l’obbligo, pena la revoca dell’agevolazione, di rispettare tutti gli obblighi elencati nel bando, tra cui realizzare il progetto secondo quanto approvato in fase di istruttoria, terminarlo entro 12 mesi dalla data di comunicazione della concessione, rendicontare le spese effettivamente sostenute, conservare la documentazione come richiesto, comunicare eventuali variazioni del programma e tutte le altre disposizioni del bando.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutti gli allegati possono essere consultati e scaricati dal sito web della Regione Toscana.

Eventuali informazioni legate al bando possono essere richieste scrivendo ai seguenti indirizzi e-mail: microinnovazionedigitale@sviluppo.toscana.it. Tutte le problematiche di carattere tecnico legate all’uso della piattaforma online possono invece essere rivolte a supportomicroinnovazionedigitale@sviluppo.toscana.it.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...