Home Page Business

PMI Catanzaro, come richiedere i fondi per la digitalizzazione

Le aziende che si occupano di ristorazione nel territorio di Catanzaro avranno un contributo per applicare le misure anti-contagio nel locale

DATA APERTURA dal 29 giu 2020 al 30 lug 2020
regione Calabria

Il settore della ristorazione è tra i più colpiti dalla crisi sanitaria del Covid-19. Infatti, ristoranti, bar, pub e locali simili sono stati costretti a chiudere improvvisamente per mesi e solo in occasione della Fase 2 hanno riaperto. Per operare serenamente, tutte le PMI devono rispettare le norme anti-contagio: dal distanziamento sociale all’uso di DPI (Dispositivi Protezione Individuale). La Camera di Commercio di Catanzaro per sostenere le spese necessarie per sostenere tali misure grazie a soluzioni digitali ha stanziato un fondo di 100 mila euro. Ecco un riepilogo del bando.

Riepilogo bando PMI Catanzaro

  • Nome del bando: Digitalizzazione attività ristorative emergenza Covid-19
  • A chi è rivolto il bando: imprese iscritte alla CCIAA di Catanzaro
  • Fondi disponibili: 100 mila euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Catanzaro
  • Le date da segnarsi sul calendario: Data inizio invio domande: 29 giugno 2020. Data fine invio domande: 30 luglio 2020

Obiettivo e fondo stanziato

Il bando è stato istituito dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Catanzaro per attivare misure di sostegno a favore della ristorazione della Provincia di Catanzaro. A tal fine verranno concessi contributi finalizzati alla digitalizzazione e attivazione di servizi di food delivery per contrastare la diffusione del Covid-19. Per prevenire i contagi, è possibile digitalizzare tutte le procedure che normalmente vengono effettuate a contatto col pubblico, per esempio la consultazione del menù oppure il pagamento in contanti e ancora la gestione delle comande al tavolo. Tutti questi servizi possono quindi essere digitalizzati per favorire il distanziamento fisico tra clienti e operatori del locale. Per realizzare la manovra sono stati stanziati 100 mila euro.

Soggetti interessati

Possono accedere al bando le micro e piccole imprese che abbiano sede legale o unità operativa presso la Camera di Commercio di Catanzaro e che svolgano attività con Codice ATECO ISTAT 2007 56.10.11 – Ristorazione con somministrazione.

Devono inoltre essere in regola col pagamento del diritto camerale e altri contributi e non devono essere sottoposte a fallimento, liquidazione o altra procedura concorsuale. Tutti i requisiti vengono specificati nel bando.

Contributo

Il contributo corrisponde ad un voucher dell’importo massimo di 1.500 euro. Il valore complessivo del voucher non può superare il 50% delle spese ammissibili a fronte di una spesa minima di 500 euro.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Spese ammesse dal bando

Sono ammesse al contributo le spese per le soluzioni tecnologiche per automatizzare il sistema produttivo e digitalizzare le attività dove è possibile, soprattutto con l’obiettivo di favorire il distanziamento sociale in tutto il periodo post Covid-19. Le spese inoltre devono essere finalizzate a realizzare menù contactless multilingue, attivare il servizio di prenotazione e ricezione ordini online, installazione di totem interattivi per prendere le ordinazioni, attivazione e commissioni degli ordini a domicilio tramite servizi di food delivery terzi. Inoltre, viene finanziata la spesa per l’acquisto di dispositivi per ridurre l’uso di denaro contante. Sono ammesse le spese effettuate dal 1° marzo 2020 al 15 settembre 2020.

Termine di scadenza

Le domande possono essere inviate dalle ore 8:00 del 29 giugno 2020 alle ore 21:00 del 30 luglio 2020.

Procedure e invio domanda

Le domande possono essere inviate esclusivamente in modalità telematica tramite lo sportello “Contributi alle imprese” del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov. L’invio della domanda può essere anche delegato ad un intermediario abilitato dall’ente gestore. È obbligatorio indicare un indirizzo PEC necessario per tutte le comunicazioni ufficiali con l’ente gestore.

Controlli ed eventuale revoca contributi

È prevista un’istruttoria a sportello, cioè gestita secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande. Accanto all’istruttoria amministrativo formale, ci sarà un’istruttoria di merito. Al termine dell’istruttoria vengono formati gli elenchi delle domande ammesse e non ammesse al beneficio. L’impresa beneficiaria dovrà completare i lavori entro il 15 settembre 2020 e trasmettere la rendicontazione entro il 30 settembre 2020.

Al fine della rendicontazione è riconosciuto solo il bonifico bancario o postale. Pervenuta la documentazione necessaria, l’ufficio competente procederà ad un controllo e in seguito si disporrà l’erogazione del contributo spettante. Il contributo è revocato nel caso in cui l’impresa beneficiaria non trasmetta la rendicontazione entro il 30 settembre 2020 e secondo le modalità richieste, inoltre è revocato nel caso in cui la spesa non superi il limite indicato e non siano rispettate altre regole e termini presenti nel bando.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutti gli allegati sono pubblicati all’interno del sito ufficiale della Camera di Commercio di Catanzaro.

Il responsabile del procedimento è dott. Alessandro Vartolo – email: promocatanzaro@cz.camcom.it.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...