Home Page Business

PMI Brindisi, sostegno agli investimenti in digitalizzazione

Le PMI di Brindisi possono partecipare al bando della Camera di Commercio e inviare la domanda per ottenere il voucher digitale. Ecco i dettagli

DATA APERTURA dal 26 giu 2020 al 30 ott 2020
regione Puglia

La digitalizzazione rappresenta oggi, non solo un’opportunità, ma una vera e propria necessità, capace di rafforzare la presenza delle aziende nel mercato nazionale e internazionale. Da questa consapevolezza nasce il bando della Camera di Commercio di Brindisi che mette a disposizione delle micro, piccole e medie imprese della propria circoscrizione dei contributi a fondo perduto per l’acquisto di servizi e strumenti digitali e innovativi.

Scheda riassuntiva bando

  • Nome del bando: Bando voucher digitali I4.0 – Anno 2020
  • A chi è rivolto il bando: MPMI di Brindisi e Provincia
  • Fondi disponibili: 68.875,28 €
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Brindisi
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 26 giugno al 30 ottobre 2020.

Obiettivo e fondo stanziato

Il bando si inserisce nell’ambito del Piano Transizione 4.0 voluto dal Ministro dello Sviluppo Economico che ha istituito anche i PID o Punti Impresa Digitale con l’obiettivo di velocizzare la trasformazione tecnologica delle aziende italiane. Per rendere capillare la digitalizzazione, le Camere di Commercio di tutta Italia possono individuare le aziende a cui concedere contributi a fondo perduto per l’acquisto di servizi e strumenti innovativi. Anche la Camera di Commercio di Brindisi partecipa a questo progetto mettendo a disposizione delle micro, piccole e medie imprese della propria circoscrizione dei voucher digitali. L’obiettivo è sostenere economicamente le iniziative di digitalizzazione anche finalizzate ad approcci green oriented. A tal fine sono stati stanziati 68.875,28 €.

Soggetti interessati

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese attive e iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Brindisi e in regola col pagamento del diritto annuale e con gli obblighi contributivi e previdenziali. Le imprese non devono inoltre essere in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata o concordato preventivo o altra situazione equivalente. Infine, non devono avere forniture in essere con la Camera di Commercio di Brindisi. Le aziende possono inviare una sola richiesta di contributo.

Contributo

L’agevolazione è concessa sotto forma di voucher che copre massimo il 70% delle spese ammissibili e ha un valore massimo di 2.500€. Le imprese con rating di legalità avranno una premialità di 200 € nel limite del 100% delle spese ammissibili. L’investimento minimo ammesso è di 500€.

Spese ammesse dal bando

Gli ambiti di intervento ammessi al contributo sono elencati nel secondo articolo del bando. In considerazione di tale lista, le spese ammesse sono quelle per l’acquisto di servizi di consulenza e formazione, di beni e servizi strumentali e per l’abbattimento di oneri di qualsiasi natura. Le spese potranno essere sostenute dal 1° gennaio 2020 fino al 120° giorno successivo alla data di approvazione della graduatoria delle domande ammesse.

Termine di scadenza

Le domande possono essere presentate dalle ore 8:00 del 26 giugno 2020 alle ore 21:00 del 30 ottobre 2020.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Procedure e invio domanda

Le domande e tutta la documentazione richiesta dovranno essere inviate esclusivamente in modalità telematica con firma digitale allo sportello online “Contributi alle Imprese” del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov. L’invio della domanda può essere affidato anche a un intermediario abilitato. Tutta la documentazione da inviare è elencata all’interno del bando. Inoltre, occorre segnalare un’e-mail PEC per gestire tutte le comunicazioni ufficiali legate alla pratica.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande verranno valutate con procedura a sportello, cioè in base all’ordine cronologico di presentazione. L’ufficio competente può richiedere ai candidati un’eventuale integrazione di documenti mancanti, in modo da completare la procedura. L’istruttoria si conclude con un provvedimento di concessione o diniego del contributo, che verrà debitamente motivato. L’erogazione del voucher avverrà previa rendicontazione delle spese sostenute dall’azienda beneficiaria.

Il voucher è revocato in caso di mancata o difforme realizzazione del progetto rispetto a quanto inserito nella domanda, rilascio di dichiarazioni mendaci o inesatte, mancata trasmissione dei documenti richiesti per la rendicontazione, impossibilità di effettuare controlli da parte degli organi preposti o in caso di esito negativo dei controlli.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e gli allegati possono essere consultati e scaricati dal sito web della Camera di Commercio di Brindisi.

Eventuali domande legate alla procedura possono essere richieste direttamente all’ente camerale contattando il numero di telefono 0831.228.111 o inviando un’e-mail a cciaa@br.legalmail.camcom.it. Ulteriori informazioni si possono leggere nell’area Contatti del sito.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...