Home Page Business

Come funziona SIM, la piattaforma bandi della Regione Campania

Alt text

Negli ultimi anni, tanti enti pubblici hanno avviato un processo di digitalizzazione, permettendo a cittadini, imprese e altri attori sociali di partecipare ai bandi pubblici attraverso l’uso di piattaforme online. Anche le Regioni Italiane si sono organizzate per offrire a tutti gli interessati sistemi facili da utilizzare e veloci nel gestire le domande.

Tra queste spicca la Regione Campania che ha sviluppato la piattaforma chiamata SIM (Sistema Integrato di Monitoraggio). Questa soluzione è utilizzata per gestire telematicamente tutte le procedure legate ai bandi pubblici, molti di questi cofinanziati da fondi europei. Per esempio, il SIM è usato per gestire l’erogazione di voucher concessi a PMI che vogliono partecipare a fiere di settore di importanza internazionale. Vediamo quali sono le caratteristiche della piattaforma e i diversi passaggi per compilare e inviare correttamente le domande.

SIM Regione Campania: cosa è e come accedere

Il Sistema Integrato di Monitoraggio, conosciuto anche come SIM è lo strumento utilizzato per gestire le agevolazioni erogate dalla Regione Campania. Gli utenti interessati possono usare la piattaforma senza difficoltà: infatti il sistema è veloce e intuitivo.

Per iniziare occorre accedere al sito web e cliccare sul tasto “Accedi”, il pulsante in alto a destra presente nella schermata principale. Si aprirà un’altra pagina in cui effettuare il log-in inserendo l’indirizzo e-mail e la password. Nella stessa sezione è possibile anche registrarsi oppure recuperare la password dimenticata.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Come usare il Cruscotto Personale per inviare le domande online

Inserendo le credenziali, si accede ad un’area privata chiamata Cruscotto Personale. Qui sono presenti tre tasti nel menu principale: Home, Bandi ed Erogazione.

Selezionando la voce “Erogazione” si apre una finestra con tutti i tipi di voucher per i quali richiedere il pagamento. È possibile selezionarne uno per procedere. La procedura per compilare le domande varia in base al bando.

Tutte le domande sono caratterizzate da differenti step e le informazioni inserite dall’utente sono salvate progressivamente. Quindi se si desidera interrompere e riprendere la compilazione in un secondo momento, non si perde nulla. La domanda è caratterizzata da quattro sezioni.

  • Dati proponente: informazioni del soggetto e dell’azienda interessata. La maggior parte è stata acquisita durante la registrazione.
  • Progetto – Quadro Economico: deve essere indicato il nome del progetto e tutte le spese (indicate al netto d’IVA) necessarie per realizzarlo.
  • Dati Aggiuntivi: contiene tutte le altre informazioni richiede dal modulo di erogazione, come il conto corrente e dati necessari per accreditare i fondi.
    Qui è necessario inserire anche i dati dell’azienda: sede, data di apertura, data di iscrizione alla CIIAA e il codice ATECO. Continuando, il modulo chiede i dati relativi alla domanda di assegnazione del contributo come data e il numero di protocollo.
  • Allegati: qui è necessario inserire tutti i documenti, oltre alla domanda, richiesti dal bando. Per caricarli, occorre cliccare il tasto Sfoglia, selezionare il file, caricarlo e poi cliccare Salva Allegati. Se il sistema chiede più allegati è necessario salvarli all’interno di un unico archivio, infatti non è possibile inserire più documenti per ogni campo. In questo spazio verrà richiesta una copia dei titoli di spesa, come fatture o ricevute e altri elementi che provano una spesa.

Chiusura della domanda

Una volta terminata la procedura, in fondo alla pagina appaiono tre tasti:

  • Salva: è possibile salvare la domanda e riprenderla in un secondo momento
  • Anteprima Richiesta di Accesso: una volta terminata la compilazione è possibile scaricare e firmare digitalmente il documento in formato PDF, che va poi aggiunto come allegato nel campo relativo.
  • Chiudi: consente di salvare la richiesta completa.

Cliccando sull’ultimo pulsante non sarà più possibile modificare né la domanda né gli allegati. Per tale motivo, è fondamentale che la documentazione sia conforme alle richieste. SIM si conferma così un sistema adatto a tante esigenze. Generalmente, insieme ai bandi sono pubblicate anche le procedure per inviare online le domande. In questo modo, utilizzare la piattaforma SIM è ancora più semplice.

Tags:
Caricamento contenuti...