Home Page Business

Camera di Commercio di Pavia: come partecipare al bando voucher digitali

Le micro, piccole e medie imprese della provincia di Pavia possono avviare percorsi di digitalizzazione. Ecco i dettagli del bando

DATA APERTURA dal 29 sett 2020 al 31 ott 2020
regione Lombardia

La digitalizzazione rappresenta oggi un’importante sfida per le aziende italiane: è l’opportunità per riprendersi dopo l’eccezionale crisi sanitaria da Covid-19, ma allo stesso tempo è anche un’impellente necessità per crescere e diventare competitivi nel mercato globale, trainato sempre più dalle nuove tecnologie. In questo contesto, le aziende sono chiamate a modificare il loro modo di operare, rinnovando la strumentazione e rivoluzionando il loro punto di vista.

La Camera di Commercio di Pavia, con il presente bando, intende proprio aiutare le aziende della propria circoscrizione ad avviare percorsi di digitalizzazione. A tal fine, l’ente concede i voucher digitali, pensati per sostenere, in parte, le spese necessarie per l’adattamento ai nuovi standard.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Bando Voucher Digitali I4.0 – Anno 2020
  • A chi è rivolto il bando: MPMI di Pavia e provincia
  • Fondi disponibili: 117.000 €
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Pavia
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 29 settembre 2020 al 31 ottobre 2020

Obiettivo e fondo stanziato

La Camera di Commercio di Pavia, nell’ambito delle attività previste per il Piano Transizione 4.0 e a seguito del Decreto del MISE del 12 marzo 2020 che introduce i Punti Impresa Digitale (PID), ha istituito il presente bando per promuovere la diffusione della cultura digitale tra le micro, piccole e medie imprese (MPMI) della propria circoscrizione. Il sostegno economico è mirato alle iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci green oriented. Gli ambiti di intervento supportati sono elencati all’interno dell’articolo 2 dell’avviso. Il fondo a disposizione per la misura è 117.000 €.

Soggetti interessati

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa nella Provincia di Pavia. Le aziende interessate devono essere attive, iscritte al Registro delle Imprese dell’ente camerale e in regola col pagamento del diritto annuale e con gli altri obblighi contributivi e previdenziali. Inoltre, non devono avere forniture con la Camera di Commercio.

Ogni impresa può inoltrare una sola richiesta di contributo.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Contributo

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto che copre il 50% delle spese ammissibili. L’importo dell’investimento non può essere inferiore a 3.000 €, mentre il contributo massimo concesso è di 5.000 €. Viene concessa un’ulteriore agevolazione di 250 € a fondo perduto per le aziende in possesso di rating di legalità. Il contributo è concesso in regime “de minimis”.

Spese ammesse dal bando

Sono ammesse al bando le spese legate al progetto di digitalizzazione, ovvero spese per servizi di consulenza e formazione attinenti con gli ambiti di intervento dell’articolo 2 del bando, oltre all’acquisto di beni e servizi strumentali.

Le spese, intese al netto dell’IVA, possono essere sostenute dal 1° agosto 2020 al 31 ottobre 2020.

Termine di scadenza

Le domande di partecipazione si possono inviare dalle ore 10:00 del 29 settembre 2020 alle ore 22:00 del 31 ottobre 2020.

Procedure e invio domanda

Le domande e tutta la documentazione devono essere presentate esclusivamente in via telematica, accedendo allo sportello online “Contributi alle imprese” del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov. Inoltre, è obbligatorio apportare la firma elettronica dove richiesto e segnalare un indirizzo PEC che verrà usato per gestire le comunicazioni ufficiali legate al bando.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande verranno accolte e gestite tramite procedura a sportello, ovvero secondo l’ordine cronologico di arrivo. Durante l’istruttoria verrà verificata la sussistenza dei requisiti richiesti e le caratteristiche del progetto. Tale procedura si conclude con l’adozione di un provvedimento di concessione o diniego dell’agevolazione, debitamente motivato. Il provvedimento è eseguito entro 60 giorni dalla data di presentazione della domanda. L’erogazione del voucher viene effettuata dopo la presentazione della rendicontazione da parte dell’azienda beneficiaria.

Il contributo viene revocato qualora l’azienda non rispetti uno o più obblighi previsti dal bando, ovvero nel caso in cui rilasci dichiarazioni false o inesatte, non presenti la rendicontazione nei modi e tempi prestabiliti, non rispetti l’importo minimo dell’investimento (pari a 3.000 euro), nel caso in cui la rendicontazione sia inferiore al 70% del preventivo presentato, non si sottoponga ai controlli o nel caso questi ultimi risultino negativi a causa del beneficiario.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutta la documentazione possono essere consultati e scaricati dal sito web della Camera di Commercio di Pavia.

Per informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio studi e statistica e informazione economica, chiamando al numero di telefono 0382.393 259/284 o scrivendo un’e-mail a uno dei seguenti indirizzi: studi@pv.camcom.it e pid@pv.camcom.it.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...