Home Page Business

Bando Salento Riparte: come partecipare

La Camera di Commercio di Lecce concede contributi a fondo perduto per abbattere gli oneri dei finanziamenti delle imprese: ecco tutti i dettagli

DATA APERTURA dal 6 giu 2020 al 30 apr 2021
regione Puglia

Il Bando #SalentoRiparte pubblicato dalla Camera di Commercio di Lecce nasce per aiutare le aziende salentine danneggiate dalla crisi sanitaria Covid-19. Sarà concesso un contributo a fondo perduto per abbattere gli interessi e gli oneri legati ai finanziamenti. L’obiettivo è agevolare le aziende nell’ottenere maggiore liquidità, necessaria per eventuali investimenti e per provvedere ai costi di gestione. Con questo provvedimento si vuole quindi offrire supporto al tessuto imprenditoriale del territorio, e in particolare alle aziende di piccole dimensioni, che spesso non hanno le risorse e gli strumenti necessari per risollevarsi dalla profonda crisi. Ecco requisiti e come partecipare.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Bando #SalentoRiparte
  • A chi è rivolto il bando: MPMI della CCIAA di Lecce
  • Fondi disponibili: 500.000 €
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Lecce
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 6 giugno 2020 al 30 aprile 2021

Obiettivo e fondo stanziato

Il bando nasce per aiutare le aziende salentine ad affrontare gli effetti della difficile crisi sanitaria da Covid-19. La Camera di Commercio di Lecce concede quindi un contributo a fondo perduto mirato ad abbattere il costo di interessi e oneri accessori su finanziamenti finalizzati a effettuare investimenti e per avere la liquidità necessaria per la gestione dell’azienda in una fase economicamente drammatica. L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle misure nazionali legate all’art. 25 del Decreto Cura Italia.

Il fondo stanziato ammonta a 500.000 €.

Soggetti interessati

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa nella circoscrizione della Camera di Commercio di Lecce. Le aziende devono essere attive e iscritte al Registro delle Imprese e in regola col pagamento del diritto annuale. Non devono essere sottoposte a fallimento o altra procedura concorsuale.

Contributo

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto mirato a fornire un abbattimento dell’80% di interessi e oneri accessori del primo triennio di un finanziamento di importo massimo di 100.000 €. Il contributo massimo è di 3.500 €. Gli aiuti sono cumulabili con altri contributi concessi per l’emergenza Covid-19 e con aiuti a regime “de minimis”. Eventuali altri aiuti ricevuti dovranno comunque essere dichiarati nella presentazione della domanda.

Spese ammesse dal bando

I finanziamenti ammissibili sono finalizzati a esigenze di liquidità, investimenti produttivi e consolidamento delle passività a breve. I prestiti devono essere stipulati dalla data di entrata in vigore del D.L. 8/4/2920 n.23 (Decreto Liquidità).

Gestisci i tuoi clienti
con facilità e in autonomia!
Scopri come

Termine di scadenza

Le domande possono essere inviate dalle ore 8:00 del 6 giugno 2020 alle ore 21:00 del 30 aprile 2021 e comunque non oltre l’esaurimento delle risorse disponibili, che verrà comunicato immediatamente sul sito web della Camera di Commercio.

Procedure e invio domanda

La domanda e tutta la documentazione devono essere inviate esclusivamente in via telematica tramite la piattaforma Telemaco – servizio Agef. Per convalidare la domanda occorre apporre la firma digitale del rappresentante legale dell’azienda, che deve anche indicare la casella PEC per tutte le comunicazioni ufficiali.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande vengono gestite tramite procedura a sportello, cioè in base all’ordine cronologico di presentazione. Alla fine dell’istruttoria, il Segretario Generale dell’ente camerale provvede all’accoglimento o al diniego della concessione del contributo, comunicando il risultato all’impresa via PEC. La Camera di Commercio eroga il contributo all’azienda beneficiaria in un’unica soluzione. L’agevolazione può essere revocata nei seguenti casi: dati, notizie e dichiarazioni inesatte o false, esito negativo di eventuali controlli, cessazione di attività dell’impresa beneficiaria. Tutti i casi sono comunque descritti nel bando. L’azienda ha trenta giorni per restituire l’importo.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutti gli allegati sono disponibili sul sito web della Camera di Commercio di Lecce.

Per ulteriori informazioni sul bando è possibile scrivere un’e-mail all’indirizzo: contributi@le.camcom.it.

Gestisci i tuoi clienti
con facilità e in autonomia!
Scopri come
Caricamento contenuti...