Home Page Business

Marche: 2.9 milioni per incentivare la creazione di imprese

Il bando mira è pensato per gli aspiranti imprenditori e liberi professionisti: verrà riconosciuto un contributo a fondo perduto. Ecco i dettagli

DATA APERTURA dal 9 feb 2021 al 31 lug 2021
regione Marche

La nascita di una nuova impresa ha un valore enorme per qualsiasi territorio: si offre un servizio in più alla comunità, si aumenta l’occupazione, si porta ricchezza. Con questo obiettivo, la Regione Marche ha pubblicato il bando che mira a incentivare la nascita di aziende nei comuni svantaggiati della zona. Le domanda possono essere presentate sia da aspiranti imprenditori e professionisti, sia da chi ha aperto un’azienda da poche settimane, esattamente dopo la pubblicazione dell’Avviso. Ai beneficiari verrà riconosciuto un contributo a fondo perduto in base al numero di persone assunte. Ecco i dettagli e come partecipare.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di impresa nei Comuni esclusi dalle aree di crisi, nei Comuni ricadenti nella Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) e negli ITI URBANI
  • A chi è rivolto il bando: aspiranti imprenditori delle Marche
  • Fondi disponibili: 2.914.500 €
  • Ente che eroga il finanziamento: Regione Marche
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 9 febbraio al 31 luglio 2021

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando della Regione Marche è incentivare la creazione di imprese nei Comuni esclusi dalle aree di crisi, quelle ricadenti nella SNAI alto Maceratese e negli ITI urbani. La nascita di una nuova azienda può avere importanti ripercussioni positive per tutto il territorio, per esempio è capace di incrementare il livello occupazionale e generare valore per i consumatori.

Le risorse finanziarie ammontano a 2.914.500 euro.

Soggetti interessati

Possono partecipare al bando i soggetti che al momento della domanda risiedano nei Comuni inseriti nell’Allegato B. Devono inoltre essere maggiorenni, disoccupati e iscritti al CPI. Ogni soggetto può presentare una sola domanda di partecipazione.

Inoltre, possono essere ammesse al contributo, imprese e studi professionali nati dopo la pubblicazione dell’Avviso, con sede operativa in uno dei Comuni dell’Allegato B.

Gestisci i tuoi clienti
con facilità e in autonomia!
Scopri come

Contributo

Il bando prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, in regime “De minimis”. Ogni impresa può accedere ad un contributo massimo di 35.000 €. Questo verrà erogato ai beneficiari in due fasi: un anticipo di 15.000 € e un saldo di 20.000 € alla chiusura del progetto. Per calcolare la somma da concedere all’azienda saranno presi in considerazione i posti di lavoro creati in 12 mesi (contratti di lavoro a tempo indeterminato, determinato di almeno 2 anni etc.).

Spese ammesse dal bando

Il bando nasce per finanziare l’avvio di nuove imprese o nuovi studi professionali singoli o associati, che si devono costituire dopo la presentazione della domanda. L’azienda deve dimostrare di avere avviato le attività e di avere assunto almeno una persona. Non è previsto un elenco di spese ammissibili.

Termine di scadenza

La procedura di ammissione è a sportello, con finestre temporali che vengono attivate nel corso dell’anno. Le domande si possono inviare dal 9 febbraio fino al 31 luglio 2021 e comunque non oltre l’esaurimento delle risorse.

Procedure e invio domanda

La domanda e tutta la documentazione devono essere presentate esclusivamente online attraverso la piattaforma SOFORM2 previa registrazione. Dopo l’invio della domanda, questa viene protocollata: il sistema invia una ricevuta di avvenuto protocollo all’azienda candidata.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Il contributo viene concesso tramite procedura a sportello, cioè in base all’arrivo in ordine cronologico. La procedura prevede una valutazione effettuata in base alla griglia dei criteri riportata nel bando. Per essere finanziata, una domanda deve raggiungere un punteggio di 60/100. Le graduatorie sono pubblicate sul sito web della Regione Marche entro 60 giorni dalla chiusura del bando. Entro 60 giorni dalla comunicazione, l’impresa deve accettare formalmente il finanziamento e impegnarsi a rispettare gli obblighi. Il contributo può essere revocato in caso di inadempienza del beneficiario, alla revoca si aggiunge anche una penalità che dipende dal tipo di violazione.

Gestisci i tuoi clienti
con facilità e in autonomia!
Scopri come

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutti gli allegati sono disponibili sul sito web della Regione Marche.

La Responsabile del procedimento è la Dott.ssa Simona Pasqualini che può essere contattata via email all’indirizzo simona.pasqualini@regione.marche.it o al numero di telefono: 071 8063246.

Per ogni informazione inerente il bando è possibile contattare anche:
Forenza Gioacchini > fiorenza.gioacchini@regione.marche.it 071 8063615
Daniela Renzi > daniela.renzi@regione.marche.it 071/8063898

Per assistenza tecnica durante l’uso della piattaforma si può scrivere un’email all’indirizzo siform@regione.marche.it oppure contattare il numero telefonico 071/806 3442.

Gestisci i tuoi clienti
con facilità e in autonomia!
Scopri come
Caricamento contenuti...