Ore 18, il bonus da 600 euro: chi può richiederlo e come, dal primo aprile - Corporate

Come ogni giorno vi proponiamo un nuovo Ore 18, il nostro spazio che lanciamo alle 18, un’ora cruciale di bollettino della giornata trascorsa, in particolare in questo periodo in cui tutti stiamo fronteggiando l’emergenza Coronavirus. Anche alle 18, noi di Italiaonline rimaniamo aperti virtualmente a tutto il Paese. E anche se #iorestoacasa, noi continuiamo a essere come prima operativi e vicini ai nostri clienti.

Oggi diamo giusto spazio alla presentazione delle domande per ottenere l’indennità di 600 euro per liberi professionisti e lavoratori autonomi, prevista dal decreto Cura Italia, e da richiedere online sul sito Inps a partire da mercoledì 1 aprile. Lo ribadisce l’Inps stesso in un comunicato stampa, precisando inoltre che non si tratta di un “click day” e che quindi le domande possono essere inviate anche nei giorni successivi a mercoledì 1 aprile. L’Istituto inoltre rimanda alla circolare 49/2020, sempre pubblicata sul sito, per i requisiti e la modalità di richiesta.

A partire quindi dal 1 aprile, la domanda per ottenere il bonus può essere presentata “esclusivamente per via telematica”, secondo tre modalità a scelta: collegandosi alla pagina dedicata del sito Inps, oppure tramite il contact center 803164 (06 164164 da rete mobile) o ancora utilizzando i servizi gratuiti offerti dai patronati.  Sul sito, Inps ricorda che “se si desidera il pagamento con accredito su conto corrente, accertarsi di avere a portata di mano le proprie coordinate bancarie”.

Inoltre, l’Inps ha creato una nuova modalità di rilascio diretto del pin necessario per ogni operazione sul sito, compresa quindi la richiesta del bonus di 600 euro. Se infatti finora il pin per accedere ai servizi Inps era composto di 16 caratteri, 8 dei quali erano spediti via posta, ora con il lockdown è sufficiente entrare nel servizio “richiesta PIN” del sito Inps, oppure sempre tramite il contact center 803164 (06 164164 da rete mobile) senza più attendere la lettera a casa con gli ulteriori 8 caratteri.

Infine, pur rimandando come detto alla circolare dell’Inps per i requisiti completi, ricordiamo in sintesi chi ha diritto ad avere il bonus da 600 euro:

– liberi professionisti titolari di partita iva attiva al 23 febbraio, che non siano titolari di pensione né iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie;

– lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa attivo al 23 febbraio, che non siano titolari di pensione né iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie;

– lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’AGO, che non siano titolari di pensione né iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie;

– lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, che non siano titolari di pensione diretta e non abbiano rapporti di lavoro al 17 marzo 2020;

– lavoratori del settore agricolo purché abbiano svolto nel 2019 almeno 50 giornate di effettivo lavoro agricolo e non siano titolari di pensione diretta;

– lavoratori dello spettacolo non titolari di trattamento pensionistico diretto, con almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 allo stesso Fondo pensioni Lavoratori dello spettacolo, corrispondenti a un reddito non superiore a 50.000 euro.