Ore 18, lo spettacolo continua: online, da casa nostra - Corporate

Proseguiamo Ore 18, il nostro spazio che lanciamo alle 18, un’ora cruciale di bollettino della giornata trascorsa, in particolare in questo periodo in cui tutti stiamo fronteggiando l’emergenza Coronavirus. Anche alle 18, noi di Italiaonline rimaniamo aperti virtualmente a tutto il Paese. E anche se #iorestoacasa, noi continuiamo a essere come prima operativi e vicini ai nostri clienti.

Oggi, anche come suggerimento per il fine settimana, vogliamo parlare delle molteplici iniziative del mondo della cultura e dello spettacolo, da subito duramente colpito dall’emergenza con la chiusura di teatri, cinema, musei, sale concerto. In questi giorni, il digitale aiuta tutto il mondo dell’intrattenimento ad andare avanti e a offrire molte attività che si possono fruire online comodamente da casa propria.

Partendo dai musei, le possibilità di visite virtuali sono parecchie: dagli Uffizi di Firenze all’Ara Pacis e i Mercati Traianei di Roma, per non parlare della lunga lista di collezioni offerte da musei internazionali come Versailles o il British museum. Restando in Italia, la pagina Facebook del Museo Egizio di Torino ospita brevi video commentati dal direttore Christian Greco; lo stesso fa la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia sui propri account social.

Passando al cinema, la prima ad attrezzarsi appena iniziata la chiusura delle sale in Lombardia è stata la Cineteca di Milano, che ha reso gratuito l’accesso in streaming alla Videoteca di Morando, con più di 500 titoli fra classici, film rari e pellicole restaurate. Da Nord andiamo a Sud, dove sul sito dell’Ischia Film Festival è disponibile la sezione Il cinema contro il coronavirus contenente molti film delle scorse edizioni della rassegna cinematografica, in programma il prossimo giugno. Non mancano le offerte delle piattaforme on demand, tra le quali The Film Club, che mette a disposizione fino al 3 aprile 100 film gratuiti, da vedersi a casa propria semplicemente registrandosi sul sito.

La musica non è da meno: la rivista Rockol, in attesa che i concerti riprendano, ripropone sul suo sito ogni sera alle 20.30 le registrazioni audio / video di alcune delle performance più memorabili della storia del rock. La sera del 14 marzo tocca ai Queen. E sempre su Rockol si trova il calendario aggiornato dei concerti di #iosuonodacasa, iniziativa a cui molti cantanti e gruppi italiani hanno aderito: sono concerti dalle loro abitazioni, spesso sulle loro pagine Instagram. Lo hanno fatto già in molti, tra cui Jovanotti, Gianna Nannini, Modà, Francesco Gabbani e il 14, tra gli altri, è il turno di Zucchero. Non manca la musica classica, con la pagina del Teatro Massimo di Palermo che ha lanciato l’iniziativa Non vi lasciamo senza musica, una programmazione continua di opere, concerti e spettacoli attraverso la web tv del teatro.

Chiudiamo con la lettura e l’importante iniziativa Decameron-una storia ci salverà, pagina Facebook lanciata da un gruppo di scrittrici tra le quali Teresa Ciabatti e Valeria Parrella, dove trovare ogni giorno le presentazioni dei libri che scrittrici e scrittori avrebbero fatto normalmente, “proposte e organizzate esattamente come gli appuntamenti dal vivo: ti iscrivi all’evento, ti colleghi alla diretta nel giorno e nell’ora concordata e puoi partecipare all’incontro ascoltando, facendo domande all’autore o all’autrice e scambiando pareri con gli altri lettori e lettrici. Non sostituisce gli abbracci, gli sguardi con la scusa della firma, la forza dei luoghi e del contatto umano, ma è l’unico modo che abbiamo ora per non dimenticarci che siamo prima di tutto una specie narrante”. Hanno aderito, tra gli altri, Michela Murgia, Chiara Tagliaferri, Francesco Pacifico.

Il digitale fa bene, anche alla cultura.

#andratuttobene