Ore 18, “Io cucino in casa”, le iniziative degli chef in rete - Corporate

Proseguiamo Ore 18, il nostro spazio che lanciamo alle 18, un’ora cruciale di bollettino della giornata trascorsa, in particolare in questo periodo in cui tutti stiamo fronteggiando l’emergenza Coronavirus. Anche alle 18, noi di Italiaonline rimaniamo aperti virtualmente a tutto il Paese. E anche se #iorestoacasa, noi continuiamo a essere come prima operativi e vicini ai nostri clienti.

Oggi, in vista anche del fine settimana, parliamo di un elemento che ci unisce da sempre, da Nord a Sud: la tavola. Con il lockdown, una delle cose che stiamo riscoprendo è cucinare pranzi e cene con più tempo del solito, complici lo stare a casa e, fortunatamente, i supermercati riforniti dopo i primi giorni di apprensione (ricordate le ormai famose penne lisce uniche rimaste negli scaffali della pasta? Ora non è più così). Inoltre, purtroppo, ciò che non possiamo più fare è mangiare in un ristorante, una pizzeria, un bistrot. Il settore della ristorazione è per forza di cose tra i più colpiti dal virus, ma per fortuna la creatività e il digitale aguzzano l’ingegno e sono molte le iniziative nate in rete, soprattutto via YouTube e Instagram, da parte dei nostri migliori chef e non soltanto. Eccone alcune.

Partiamo dal tre stelle Massimo Bottura, il quale tra le mura di casa con la sua famiglia dà ogni sera alle otto appuntamento su Instagram con Kitchen quarantine, nato da un’idea di sua figlia, che è una videomaker. Kitchen quarantine è un “format” che ogni sera descrive la convivenza di ormai 24 ore al giorno di una famiglia, quella di Bottura appunto, con idee da realizzare tra i fornelli, ma anche siparietti di vita quotidiana a cui tutto il “clan” dello chef modenese partecipa. I fan di Bottura e tutti i palati fini stanno apprezzandolo molto.

Gli fa eco l’idolo di Masterchef Bruno Barbieri, peraltro originario di Medicina, il paese appena fuori Bologna che è tra i più colpiti dal Coronavirus. Lo chef si è messo ai fornelli per girare videoricette per la #RealizeChallenge, l’iniziativa benefica lanciata da Realize Networks a sostegno del reparto di malattie infettive del Policlinico di Milano. #RealizeChallenge è una sfida lanciata a tutti i talent gestiti dal network, tra cui appunto Barbieri, che consiste nel creare un video mostrando cosa si stia facendo a casa in questi giorni e taggare quante più persone possibili utilizzando gli hashtag ufficiali #Realizechallenge e #Fermiamoloinsieme e condividendo il link per la donazione al Policlinico sulla piattaforma Gofundme. Quando cucinare in casa, o fare qualsiasi altra attività fra le proprie mura, può fare del bene e aiutare a combattere il virus.

Come dicevamo, i ristoranti ora sono chiusi e alcuni chef hanno pensato di condividere sui social le loro ricette con la campagna #iocucinoacasa: si va dagli spaghetti alle vongole di Viviana Varese a quelli cacio e pepe di Antonello Colonna, fino alla polenta verde di Antonia Klugmann e chi più ne ha più ne metta. Il messaggio della campagna è chiaro: anche gli chef stanno a casa e allora si cucina in casa tutti insieme, in attesa di poter riaprire i battenti dei loro ristoranti.

Anche il cuoco messinese Giuseppe Geraci*, in riposo forzato dal suo Modì ristorante, lancia ogni giorno su Telegram Chef a casa tua, videoricette fatte a casa con la compagna Alessandra Quattrocchi. Sulla pagina Facebook del ristorante la coppia ha scritto “abbiamo deciso di sfruttare una parte del tempo che trascorriamo a casa continuando a fare quello che ci fa stare bene, cucinare per voi. Lo facciamo dalla cucina di casa nostra e con mezzi amatoriali, quindi scusate se le video ricette non sono perfette ma ci piace l’idea di condividerne una al giorno, che magari può diventare un utile suggerimento per il pranzo o la cena”.

Non dimentichiamo chi le materie prime per cucinare le coltiva ogni giorno: sul sito di Campagna Amica, fondazione in ambito Coldiretti, sono presenti le ricette dei “cuochi contadini”, ancora più preziose in questo momento di lockdown. Coldiretti, con un comunicato, promuove le varie iniziative di fattorie e agriturismi costretti ora alla chiusura, ricordando che le prime ad andare online sono state le agricoltrici di Vo’ Euganeo, “costrette all’isolamento e attive sui social con ricette e consigli per i clienti consumatori”.

Chiudiamo in dolcezza con il nostro portale Buonissimo, che tra le migliaia di ricette e consigli di cucina che ogni giorno suggerisce, dedica al “comfort food” per eccellenza, ossia al cioccolato, il giusto spazio. Per esempio, proprio con i migliori dolci al cioccolato da preparare quando si sta in casa.

Il digitale fa bene anche all’agricoltura e al nostro modo di mangiare.

* Foto dalla pagina Facebook Modì ristorante