Come trasferire un dominio da un hosting a un altro | Italiaonline

Trasferire il dominio del proprio sito internet, spostandolo da un servizio di hosting a un altro, è possibile ma richiede alcune competenze tecniche. Vediamo ora insieme qual è la procedura corretta per effettuare senza errori il trasferimento del dominio.

Cos’è il dominio di un sito web

Il dominio di un sito internet, da un punto di vista tecnico, è un nome associato a un indirizzo IP fisico sul web. A un livello più pratico, è ciò che appare dopo il “www.” nella barra degli indirizzi. Esso identifica in maniera univoca il sito e consente agli utenti di accedervi.

Cos’è l’hosting di un sito web

Nel gergo informatico, col termine hosting si fa riferimento a un servizio di rete che consiste nell’allocare su un server le pagine di un sito internet. Più praticamente, l’hosting è il luogo dove sono archiviati (e, quindi, resi accessibili) i contenuti di un sito.

Perché trasferire il dominio da un hosting a un altro

Solitamente, chi decide di creare un sito web acquista insieme hosting e dominio rivolgendosi allo stesso fornitore, dal momento che gli abbonamenti proposti dai provider offrono spesso questa doppia soluzione a prezzi (sulla carta) vantaggiosi. Nonostante ciò, col passare del tempo, potrebbe sorgere la necessità di separare dominio e hosting ricorrendo a due fornitori diversi.

I motivi per cui trasferire il proprio dominio da un hosting a un altro sono molteplici. Generalmente, un utente che prende questa decisione lo fa perché:

  • non è soddisfatto dell’assistenza fornita dall’attuale provider di hosting;
  • necessità di più servizi;
  • ritiene che i costi sostenuti siano troppo elevati.

Come trasferire un dominio e gli errori da evitare

I passaggi da seguire per effettuare il trasferimento di dominio in maniera corretta sono, essenzialmente, cinque:

  • richiedi il codice AUTH al vecchio provider;
  • attiva la richiesta presso il nuovo provider;
  • comunica il codice AUTH e i dati dell’intestatario del dominio;
  • conferma via mail l’autorizzazione al trasferimento;
  • (se trasferisci solo il dominio) configura i DNS.

Un focus particolare va dedicato al codice di autorizzazione per il trasferimento del dominio: un provider è obbligato a comunicare il codice AUTH entro cinque giorni dalla richiesta effettuata dall’utente. Qualche fornitore, però, consente di accedere al codice di autorizzazione direttamente dal pannello di controllo, senza quindi che ci sia bisogno di contattare il provider.

La trascrizione errata del codice AUTH è uno degli errori più comuni nel processo di trasferimento di un dominio. Il mancato rispetto delle tempistiche previste per poter trasferire un dominio è un altro problema ricorrente.

Quanto tempo ci vuole per trasferire un dominio

È possibile trasferire un dominio solo se sono trascorsi almeno 60 giorni dalla registrazione (o da un precedente trasferimento) del dominio stesso e se mancano più di 15 giorni alla sua scadenza. I tempi per il trasferimento di un dominio, poi, dipendono da vari fattori, a partire dall’estensione fino ad arrivare alle tempistiche previste dai due fornitori co-protagonisti nell’operazione.

Se hai paura di compiere passi falsi nella procedura di trasferimento di un dominio da un hosting a un altro, contatta Italiaonline: un suo client manager sarà sempre al tuo fianco nell’intero processo, pronto a darti i giusti consigli e il necessario supporto.

Ti interessano i nostri prodotti e servizi?

Chiama il numero verde 800 011 411 o inviaci la tua richiesta tramite form per ottenere un preventivo gratuito: un nostro consulente ti ricontatterà al più presto.

Richiedi informazioni