Tutti i modi per pubblicizzare il tuo sito web | Italiaonline

Internet offre diversi modi per pubblicizzare un sito web e ottenere visibilità. Per promuovere il proprio sito, innanzitutto, è molto importante procedere a un lavoro opportunamente finalizzato a rendere sempre più efficiente il suo posizionamento sui motori di ricerca. Le tecniche di ottimizzazione SEO, cioè quelle messe in atto sulle ricerche organiche non a pagamento sui motori di ricerca, talvolta, però, non bastano e può quindi rendersi necessario acquistare spazi pubblicizzati.

Scopriamo ora come pubblicizzare il proprio sito internet in maniera efficace con gli strumenti messi a disposizione dal web.

Come pubblicizzare un sito web su Google

Quando l’insieme di strategie e pratiche SEO (Search Engine Optimization) non si rivelano sufficienti a far crescere la visibilità del tuo sito sui motori di ricerca, puoi affiancare alcune tecniche a pagamento SEA (Search Engine Advertising), che sono in grado di garantire visibilità e traffico in modo più “facile e veloce”.

Google, il motore di ricerca numero uno al mondo, offre a tal proposito una piattaforma di pubblicità chiamata Google Ads (precedentemente conosciuta col nome di Google Adwords o Google Adwords Express), che a sua volta propone differenti tipologie e modalità di campagne in funzione degli obiettivi del sito da promuovere, tra cui anche quello di incrementarne le visite.

È possibile “comprare” la visibilità di un sito attraverso la piattaforma pubblicitaria Google Ads con una modalità semplice, cioè quella definita “costo per click”, in cui si paga solamente per gli utenti che decidono di fare click ai nostri annunci e visitare il sito.

Si può creare una campagna di promozione di un sito web sulla Rete Ricerca di Google: gli annunci a pagamento, in questo caso, appariranno sopra i risultati organici della serp (la pagina dei risultati dei motori di ricerca), contrassegnati da una speciale etichetta. Questa modalità segue una logica “pull”, cioè risponde a un’esigenza di un utente che chiede tramite ricerca un prodotto o un servizio e ottiene dei risultati pertinenti rispetto a ciò che ha cercato.

La Rete Display di Google, invece, segue una logica “push”, cioè non attende che sia l’utente a effettuare la ricerca bensì gli mostra il banner pubblicitario mentre naviga in determinati siti web, individuati in base a una logica di pertinenza. Per questo motivo, generalmente, questa opzione si lascia preferire quando c’è bisogno di creare “awareness”.

La Rete Display di Google include una raccolta di siti Google come YouTube e Gmail, ma anche siti internet che collaborano con il motore di ricerca come blog e forum (per un totale di oltre 2 milioni di diversi siti nel mondo).

I banner pubblicitari possono essere realizzati autonomamente ed essere poi caricati su Google Ads oppure possono essere creati direttamente dal pannello messo a disposizione dal motore di ricerca.

Come pubblicizzare un sito web su Facebook e Instagram

Anche fare pubblicità su Facebook può aiutare le aziende o i semplici utenti a raggiungere i risultati che desiderano. Tra questi, nella nostra analisi su come pubblicizzare un sito web, una menzione speciale va all’obiettivo “Traffico” della macrocategoria “Considerazione” (finalizzato a aumentare il numero di visite sul sito web o a fare in modo che più persone utilizzino l’app) e all’obiettivo “Conversioni” della macrocategoria “Conversione” (che dà la possibilità di creare inserzioni per incoraggiare le persone a usare un sito web o un’app).

Instagram utilizza gli stessi efficaci strumenti pubblicitari di Facebook e ne condivide la struttura degli obiettivi pubblicitari. Bisogna tenere a mente, però, alcune caratteristiche peculiari di questo social network. Generalmente, su Instagram si può inserire un link a un sito web nella biografia dell’account ma non è possibile inserire link cliccabili nei post pubblicati nel feed, a meno che non siano proprio inserzioni pubblicitarie. Allo stesso modo, la funzione “Swipe Up” di Instagram Stories, che consente di rimandare l’utente che vede la Stories a un determinato link, è disponibile solo per gli account Instagram aziendali con oltre 10 mila followers o verificati.

Come pubblicizzare un sito web: consigli utili

Abbiamo avuto modo di vedere che pubblicizzare un sito web attraverso i motori di ricerca e i social network (e non solo) è possibile, ma è importante conoscere alcune nozioni tecniche a livello di SEO o Online Advertising per evitare di disperdere tempo e soldi. Se hai bisogno di supporto, il team di Italiaonline, esperto in campagne pubblicitarie online, è a tua disposizione per aiutarti a impostare la strategia migliore in base al tuo budget e ai tuoi obiettivi.